Visualizzazioni totali

martedì 13 febbraio 2018

SCANZANO JONICO. RIFIUTI OVUNQUE. ED IN VIA GIRASOLE BISOGNA FARE I CONTI CON I TOPI. LA GENTE SCENDE IN STRADA A PROTESTARE

RACCOLTA RIFIUTI STRAORDINARIA IN VIA GIRASOLE
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO 13.2.18
SCANZANO JONICO - “Basta non ce la facciamo più. Davanti a casa nostra, in via Rocco Girasole, nel quartiere di Santa Sofia, ci sono quintali di immondizia. Ieri sera abbiamo visto girare i topi. La puzza ci entra nelle case. Da qui la nostra decisione di protestare”. Così ha spiegato Giuseppina Brunetti, una delle signore che ieri mattina è scesa in strada, insieme ad altri residenti del popoloso quartiere, per far sentire la propria voce contro la mancata raccolta, da giovedì scorso, dei rifiuti solidi urbani. Una mancata raccolta che ha interessato l'intero territorio della città jonica. “Noi – ha continuato la nostra interlocutrice - abitiamo qui. L'immondizia arriva in mezzo alla strada. Così abbiamo chiamato il Comune ma non ci ha risposto nessuno. Siamo state all'ufficio sanitario ad informare dell'emergenza l'ufficiale sanitario. Abbiamo chiamato anche il sindaco Raffaello Ripoli che ci ha detto di essere perfettamente a conoscenza del problema e che egli aveva fatto tutto ciò che era nelle sue possibilità per risolverlo. La realtà è che da noi la raccolta differenziata non esiste affatto. Le famiglie sono disposte a farla se daranno loro la possibilità. Questo schifo non è più possibile. Questi materassi sono qui da alcuni mesi. E da ieri sera si è aggiunta questa carcassa di frigorifero”. Così, mentre i cittadini protestavano ed arrivavano in via Girasole molti rappresentanti dei gruppi dell'opposizione in Consiglio comunale ecco comparire due compattatori scortati da un'auto dei vigili urbani. Traffico bloccato e lavoratori dell'impresa incaricata, la Tradeco di Altamura, che hanno cominciato, mascherine sul viso, a raccogliere la spazzatura. A quintali. Un lavoro che è durato oltre 30 minuti. Alla fine camion via ma materassi e carcassa di frigorifero abbandonati sul marciapiedi. Ed ecco il sindaco Ripoli: “Giovedì scorso si sono rotti i due mezzi della ditta appaltatrice. Se non avessero ripreso oggi a ripulire il paese avremmo emanato una ordinanza per contrastare l'emergenza. La novità positiva è che è stata aggiudicata definitivamente (alla stessa Tradeco, ndr) la gara d'appalto per la raccolta differenziata”. Quasi giocoforza chiedere al primo cittadino: funzionerà? “Chiederemo la collaborazione dei cittadini. Ciò che abbiamo messo in gara ci fa ben sperare. Sostanzialmente dovrebbe funzionare”. Dovrebbe? “Deve funzionare. Ce lo auguriamo”.


APPALTO PER RACCOLTA DIFFERENZIATA AGGIUDICATO. FUNZIONERA?


SCANZANO JONICO – Territorio invaso da rifiuti e raccolta differenziata zero sono due facce della stessa medaglia. Ora, però, a quanto dichiarato dal sindaco Raffaello Ripoli, può mettersi in moto l'iter per l'avvio della differenziata. Il relativo appalto, atteso dall'insediamento della nuova maggioranza, è stato aggiudicato. Alla stessa ditta che sta gestendo il servizio di raccolta dei rifiuti quasi da sempre. L'interrogativo è legittimato da anni di “monnezzopoli”: funzionerà? Già un precedente progetto, con primo cittadino Salvatore Iacobellis, era miseramente fallito. Andrà bene quest'ultimo? Alla domanda lo stesso sindaco ha risposto con il condizionale. Sarà stata, forse, la prudenza a dettargli il verbo. Anche se in queste condizioni i cittadini hanno bisogno di certezze.

1 commento:

  1. Franco Torzella21 marzo 2018 12:01

    Abito in via Rocco girasole, è una situzione che va avanti da più di cinque anni solo ora si ci accorge? In quando ai topi non è vero ci sono solo due gatti che girano per tatto loro.

    RispondiElimina