Visualizzazioni totali

venerdì 16 febbraio 2018

POLICORO. DAL 1 LUGLIO AL 30 AGOSTO PARCHEGGI A PAGAMENTO AL LIDO. L'ASSESSORE AL BILANCIO TRIFOGLIO: “PREVISTO UN INTROITO DI CIRCA 100MILA EURO. SERVIRANNO PER MIGLIORARE I SERVIZI TURISTICI. E PER I RESIDENTI STIAMO STUDIANDO UN ABBONAMENTO AGEVOLATO”

UNO DEI TRATTI DEL LIDO DI POLICORO

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO 16.2.18


POLICORO – Dal 1 luglio al 30 agosto prossimi parcheggi pubblici a pagamento non custoditi nella zona Lido. Lo ha deciso la Giunta comunale. Il dado è tratto. La manovra sulle entrate del primo bilancio dell'amministrazione guidata dall'ammiraglio Enrico Mascia è fatta: tassa di soggiorno e parcheggi a pagamento al mare. Con la seconda misura molto più “indigeribile” della prima. Nel caso, infatti, anche se si annunciano “sconti”, pagheranno anche i residenti-elettori. Ma non si diceva che le scelte “impopolari” è meglio farle ad inizio legislatura? Così, ecco quel che ha dichiarato il “motore” delle due decisioni: un tecnico prestato alla politica, il ragioniere-commercialista Giovanni Trifoglio. “Adottare in questo periodo la delibera sui parcheggi a pagamento al lido – ha spiegato l'esponente della Giunta Mascia - non ha motivi politici ma di tempi di bilancio. Stiamo preparando la manovra sui servizi a domanda individuale. E ci stiamo concentrando sul settore turistico che consideriamo strategico. Tutto sta andando in questa direzione. Sia l'imposta di soggiorno sia i parcheggi a pagamento. Non si possono dare servizi alla comunità, ad esempio più corse dei bus per il mare e bagni pubblici funzionali, senza le risorse necessarie. E la nostra spesa storicizzata per il settore è di solo 70mila euro. La manovra servirà ad aumentare il plafond”. Già. Questo per le grandi linee. Ma, in concreto, cosa è stato previsto? Ancora il nostro interlocutore: “Abbiamo richiamato la precedente delibera dell'amministrazione guidata dal sindaco Rocco Leone poi sospesa nell'ultimo Consiglio comunale prima delle elezioni aumentando, però, i parcheggi a pagamento da 1000 a 1240 e riducendo quelli liberi da 320 ad 80. Nei due mesi di sperimentazione, luglio ed agosto, si pagheranno 0,50 centesimi l'ora, dalle 8 alle 20, con un massimo di 4 euro. Chi vorrà sostare una intera giornata, cioè, pagherà 4 euro. Per i camper le tariffe sono di 0,75 l'ora e 6 euro massimo al giorno. Per il pagamento adotteremo il sistema dei parcometri già usato in molte città. Dai parcheggi contiamo di incassare circa 100mila euro”. Ed eccoci al “nodo” politico dei residenti. Come sarà sciolto? Trifoglio: “Con un abbonamento agevolato per una sola auto a nucleo familiare”. Basterà? Non resta che attendere la specifica determinazione, con acclusa entità dello “sconto”, non riportata in delibera.


POLICORO IDEALE ATTACCA: “È POSSIBILE CHE I POLICORESI PER ANDARE AL MARE, IN MEDIA, DEVONO SPENDERE 2 EURO AL GIORNO DI PARCHEGGIO?”


POLICORO - “È possibile che i policoresi per andare al mare, in media, devono spendere 2 euro al giorno di parcheggio? Perché devono pagare per vedersi garantiti servizi essenziali e spettacoli?” Sono domande poste sulla sua pagina Facebook da Policoro Ideale, uno dei gruppi dell'opposizione consiliare. Nel testo si legge: “Finita la luna di miele. L'amministrazione Mascia conferma l'istituzione del servizio parcheggi a pagamento a mare e aumenta le aree destinate. Eravamo e siamo contrari. Qualche amministratore ha motivato il suo favore perché quando lui va fuori paga ovunque. Gli chiediamo se è giustificabile un servizio con le condizioni date. Sono passati 25 anni e la Piazza centrale del lido continua ad essere un sogno nel cassetto. Peccato. E pensiamo ai parcheggi a pagamento”.

3 commenti:

  1. Patetici... È arrivato il momento di cambiare mare!!!! Abbonamenti agevolati non si può sentire. Quali servizi dovrebbero migliorare, i bagni distrutti e maleodoranti da 20anni? Oppure i cassonetti che puzzano da fare schifo? Oppure le passerelle che portano sulla spiaggia (visto che sono inesistenti da anni)... Ah no, forse i servizi che intendono migliorare sono quelli degli amici e degli amici di amici.QUESTI SERVIZI DOVREBBERO ESSERE MIGLIORATI A PRESCINDERE, SENZA ALCUN AUMENTO A CARICO DI CITTADINI. Non c'è nulla da fare, sono tutti uguali, come si dice "il meno peggio ha la rogna"!

    RispondiElimina
  2. Tommaso di Gravina17 febbraio 2018 17:12

    Fino a un decennio fa Policoro e il mare di Policoro non lo conosceva (per non dire un'altra cosa) nessuno, poi grazie e dico grazie alla migrazione del popolo Gravinese e anche Altamurano conoscono Policoro in tutta Italia, e grazie alle amministrazioni comunali di quello che non ha fatto per la zona lido, qualcuno si è pentito e vuole scappare via. Adesso si stanno inventando la storia dei parcheggi invece di aggiustare cose e provvedere per un po di pulizia. NOI CHE CREDEVAMO NELLA ZONA LIDO IN UNA BOMBONIERA, mi sa che ci siamo sbagliati.

    RispondiElimina
  3. La motivazione legata alla fruibilità dei bagni pubblici è del tutto sconclusionata. Potevo capire se il problema si fosse posto 10 anni fa, ma ormai con la privatizzazione di tutta la costa sono gli stessi stabilimenti balneari a fornire le toilette. La cosa ancor più grave è che proprio laddove la spiaggia è ad accesso gratuito dove la presenza di un bagno pubblico è ben più necessaria, non è presente alcuna struttura.

    RispondiElimina